Gravidanza e plastica: gli ftalati influenzano lo sviluppo del feto

Gli ftalati, composti chimici contenuti in molte plastiche di bottiglie, confezioni alimentari e prodotti per l’igiene personale, possono rappresentare una seria minaccia per le donne in gravidanza, condizionando lo sviluppo del feto e aumentando il rischio di anomalie genitali.

A dimostrarlo i ricercatori della Washington University che, nel loro studio,  hanno misurato gli ftalati presenti nelle urine di 591 donne dal concepimento alla tredicesima settimana di gestazione, il momento più importante per lo sviluppo degli organi riproduttivi del feto. Dai risultati è emerso che le donne con livelli più elevati di ftalati avevano livelli più alti di estrogeni femminili e livelli più bassi di testosterone, ormone fondamentale per il normale sviluppo dei genitali nei maschietti: il calo è risultato pari al 12% per ogni aumento di 10 volte degli ftalati nelle urine.

Scopri nel video quali precauzioni prendere durante la gravidanza per proteggersi da questi composti chimici.