Musica e bambini: quali sono i benefici?

Sempre più studi scientifici legano la musica al benessere della nostra mente. Essa è infatti un divertimento che, da un lato rafforza il legame affettivo tra i componenti della famiglia, dall’altro sviluppa le capacità di ascolto e di attenzione dei bambini, fin da quando sono nella pancia della mamma! Sì, perché già a partire dalla sedicesima settimana di gravidanza è possibile registrare movimenti del corpo e della bocca del feto come reazione alla musica udita all’esterno.

Insomma, i piccoli  cantano e ballano già nell’utero. Svolge un ruolo fondamentale nello sviluppo globale dell’individuo. Agisce sugli stati d’animo più profondi e sulle emozioni, è nutrimento della mente e dello spirito, ma anche divertimento, gioco, strumento per sviluppare le potenzialità espressive e creative della persona.

Le note e le canzoni entrano in gioco nella vita del bambino fin dai suoi inizi e gli permettono di interagire con gli altri e con l’ambiente. La qualità dell’ambiente musicale in cui il piccolo cresce incide profondamente sulle capacità di capire, di apprendere e di amare la musica, perché’ la musica non deve essere privilegio di pochi, ma patrimonio di tutti.